sabato 20 maggio 2017

Recensione di "All'Inizio Del Mondo" su RockGarage

Donatella Canepa è una compositrice che pubblica il suo primo album solista quest’anno; dalla durata potremo dire che è un EP ma i brani possiedono tutti gli elementi principe nella propria struttura per essere considerate tracce a tutti gli effetti. Rock, sicuramente: Donatella si diverte alla sei corde e vi applica diversi effetti, la chitarra è sicuramente lo strumento principe, forte anche della mancanza di vere linee vocali ad accompagnare il profilo compositivo (fatta eccezione per le spoken words di L’inizio Del Mondo). Non vi è tecnica sopraffine, piuttosto sfoghi della musicista che non ricerca forzatamente melodie ma anzi punta su di un profilo più energico e giunge in alcuni frangenti a sfociare nell’alternative rock. In Fabbrica Di Fumo c’è un buon crescendo che mostra un’apprezzabile dose decisionista, per poi passare a Fredagsmys che strizza l’occhio al punk rock di giovani formazioni emergenti. Ad ascoltare approfonditamente l’uscita viene fuori proprio il giocare con gli effetti, cercare di estrarre quante più usi possibili dalla propria sei corde; questi gli elementi che si sembrano aver ispirato Donatella, tanto che nel suo futuro vediamo delle composizioni decisamente più sperimentali e magari qualcosa di ancora più singolare e distintivo.

All’inizio Del Mondo può essere visto come un esercizio espressivo di Donatella Canepa, una formazione sulle proprie capacità e sul proprio modo di esprimersi che vedrà i propri frutti sicuramente in inediti futuri.

Voto: s.v.

Marcello Zinno

http://www.rockgarage.it/?p=60540