mercoledì 3 ottobre 2012

Recensione de "Il Desiderio Non Espresso" su MetalWave

Le circostanze in cui i Salto nel Buio hanno preso forma sono sicuramente molto originali.
Il gruppo si è formato online per volontà della bassista trentina Martina Tosi e della genovese Donatella Canepa alla chitarra e tastiera a cui si è aggiunto successivamente il luzzanese Barbo Burnybrain. Specificare distintamente ciascuna provenienza dei componenti della band è fondamentale in quanto queste significative distanze non hanno impedito loro di creare assieme e di far combaciare le proprie influenze in un particolare rock italiano, sicuramente da perfezionare.
Le atmosfere proposte dai ragazzi sono interessanti ma non sufficientemente articolate probabilmente proprio a causa di una distanza che si suppone possa divenire in fase compositiva o di prova limitante.
Le liriche cantante da Barbo sono piene di sfaccettature e a larga possibilità interpretativa, nonostante ci sia sempre un'unica verità nella lirica consapevole nell'autore, è possibile invece trovare un modo per riconoscersi in alcuni brani che raccontano attimi o scene quotidiane come ne “Il buio e le stelle” dove si nota la partecipazione di Valentina Sironi ai cori. A grandi linee però si può tracciare un sentiero abbastanza decadentista nei concetti dei testi, mentre le linee melodiche e le musiche guidate idealmente e praticamente dalle ragazze sono piuttosto chiare e decise nella in vena rock.
Simpatico il brano “Tavolo 18” con un richiamo pop-rock invece.
La produzione artistica lascia comunque molto a desiderare, soprattutto in “Credo”, una graditissima lode alla bassa padana, in cui chiunque viva in quelle zone o in posizioni limitrofe potrà riscoprire abitudini e scenari tipici di quei luoghi, recitata da Barbo.
A proposito di pianura, ammirevole il brano “La paura non trionferà” con cui la band ha partecipato ad un'importante raccolta fondi a favore delle zone terremotate dell'Emilia.
L'intero artwork è affidato alla bassista Martina Tosi.
Il prodotto è in sintesi molto “homemade” come grafica e sonorità, ma il potenziale c'è.
I componenti del gruppo sono molto giovani e avranno tempo ed occasioni per maturare le loro capacità.

Track by Track
Litio - 60
Il buio e le stelle - 65
L'arte dell'inganno - 65
Tavolo 18 - 60
Sacrifico il mio onore - 65
Credo - 60
La paura non trionfera' - 70
Non è un gioco - 65
Solo lei - 65
Sole di maggio - 65

Giudizio Confezione
Qualità Audio: 55
Qualità Artwork: 55
Originalità: 65
Tecnica: 60

Giudizio Finale: 63

Marie

http://www.metalwave.it/viewrece.php?id=4316

Nessun commento:

Posta un commento